Ma in quattro non avrebbe proprio senso

(Vuoi perché è estate, tempo di repliche; vuoi perché i rudi panni del sensale di compromessi al ribasso mi stanno stretti, il fine settimana… insomma sono andato a riprendere un vecchio pezzo del 2005, cioè del 2025, insomma, la mia proposta utopica ma serissima per risolvere il problema non solo del matrimonio gay, ma anche del matrimonio etero, che è in crisi fissa da anni, al punto che io ho un po’ paura che estenderlo ai gay sia rifilar loro una sòla che non si meritano; comunque il pezzo eccolo qui).

Il Trimonio spiegato a mia figlia

“Papà-Mac?”
“Sì?”
“Perché la mamma vuole bene a un altro uomo?”

Non era senz’altro ieri sera che mi sarei messo a spiegare il Trimonio alla mia piccola Leti.
Non mentre le cose sembravano filare lisce, tutto sommato. Assunta non si era presentata a cena con una scusa qualsiasi. Apparecchiando, Concetta aveva annunciato a monosillabi che non avrebbe mangiato, perché aveva mal di testa anzi sonno anzi nausea e si ritirava in camera, e i piatti li avrei lavati io. Leti si era subito offerta di aiutarmi, per il grande amore che porta al profumo del detersivo biologico al limone. Così avevamo stabilito che lei avrebbe risciacquato i piatti che le passavo, e intanto avremmo parlato di come vanno le cose a scuola.

Ma Leti non aveva voglia di parlare della sua scuola. Voleva invece parlare del nostro Trimonio.

“Papà-Mac?”
“Sì?”
“Perché la mamma vuole bene a un altro uomo?”

Anche questa doveva succedere prima o poi, ma proprio ieri sera?

“Tesoro, sono cose che capitano ai grandi. Anche tu, quando-sarai-grande…”
“Papà no, quella frase era vietata. Lo avevi promesso!”
“Hai ragione”.
“Tu lo conosci, l’uomo che piace a mamma Sunta?”
“Sì, credo di sì”.
“È il dottore, quello da cui siamo andati per il vaccino, te lo ricordi?”
“Certo”

(Assunta aveva deciso d’informarci della sua relazione un giorno d’autunno che pioveva, e Supernet ogni mezz’ora interrompeva le trasmissioni con paurosi bollettini sull’incredibile virulenza del bacillo influenzale in arrivo dalla Corea, mentre Concetta faceva e rifaceva i conti di casa senza trovare i denari per vaccinare la bambina.
“Conosco un uomo all’Ospedale Maggiore”, aveva detto.
Un uomo).

“Certo che mi ricordo”.
“A me sta simpatico, lo sai?”
“Bene”.
“Papà, ma lui non può venire a stare con noi?”
La piccola, ecco dove voleva arrivare… “No, tesoro, no. Lui non può entrare nella nostra famiglia”.
“Però la mia compagna di banco, l’Elisabetta, lei ce li ha due papà, e vivono tutti e due insieme con lei”.
“E quante mamme ha l’Elisabetta?”
“Una”.
“Lo vedi? Lei ha due papà e una mamma: totale, tre. Tu hai già due mamme e un papà: quanto fa?”
“Fa sempre tre”.
“Certo, per questo si chiama Trimonio. Ognuno deve avere tre genitori, questa è la regola”.
“Ma perché proprio tre?”
“Tesoro, tre è il numero perfetto. Vedi, una volta, quando il Trimonio non c’era, la gente era triste, le famiglie nascevano e morivano in un niente, i papà e le mamme si litigavano i bambini, tutta un’enorme confusione senza senso, mi segui?”
“Sì”.
“Finché un giorno un gruppo di persone, che si riuniva in segreto per cercare di risolvere i problemi del mondo, decise di studiare con attenzione la faccenda e cercare di proporre delle soluzioni nuove. Qualcosa a cui nessuno avesse pensato prima”.
“Chi c’era questo gruppo di persone?”
“Tesoro, nessuno lo sa. Si trovavano in segreto, appunto”.
“Ma tu non c’eri?”
“No, beh, io… andavo e venivo, portavo il carrello con le paste. Ma è stato tanto tempo fa, sai. Insomma, questo gruppo di persone, che sono i fondatori del Teopop, decisero di consultare un uomo molto intelligente. Gli dissero: abbiamo grossi problemi coi rapporti di coppia. Gli uomini e le donne non fanno che litigare, e poi ci sono anche uomini che vogliono stare con altri uomini, e donne che vogliono stare con altre donne, e questi uomini e queste donne vogliono ugualmente crescere dei bambini, il che ci pone altri problemi di natura etica che non abbiamo più voglia di porci, perché sono irresolubili e in definitiva una gran perdita di tempo; potresti risolverci tutte queste complicazioni, e farlo in fretta, per favore? Perché noi tra una settimana facciamo un colpo di stato e andiamo al potere”.
“Cosa vuol dire colpo di stato?”
“Scusami, non importa. L’importante è che questo uomo molto intelligente, che si chiamava Arci…”
“Quello che faceva gli esperimenti con te?”
“Proprio lui. Be’, lui ci pensò su una mezz’oretta e poi disse: avete mai pensato che forse il problema è la coppia? Perché non proviamo a inventarci qualcos’altro, qualcosa di più stabile? La coppia è un concetto incerto, traballante, come la bicicletta, se non è in movimento cade. Non è molto più stabile il triciclo?”
“Cosa c’entra il triciclo, papà?”
“Era un esempio per spiegare la grande differenza che c’è tra una Coppia e un Trimonio. La Coppia deve sempre sorvegliare il suo equilibrio; il Trimonio invece è stabile, perché è sorretto da tre persone, come le ruote di un triciclo, e se una delle tre persone ha problemi, ce ne sono ancora due su cui si può contare. All’inizio però la gente non ne voleva sapere”.
“Perché?”
“Sai, la gente non si fida delle cose nuove. Dicevano: da che mondo e mondo si è sempre fatto in due. E Arci rispondeva: ma guardatevi attorno, signori. Non vi è mai venuto in mente che da che mondo e mondo si è sempre fatto male, che sarebbe ora di provare a fare un po’ meglio? Ma loro scuotevano la testa e dicevano: se aumentiamo le persone in una famiglia, aumenteranno anche i litigi”.
“E lui cosa rispondeva?”
“Lui spiegava che i litigi di coppia sono i peggiori, perché si è sempre uno contro uno, e nella maggior parte dei casi uno deve cedere di sua spontanea volontà, e questo alla lunga lo avvelena. Mentre quando si è in tre o più, i litigi sono più facili da contenere, perché, per esempio, si può votare, e ci sarà sempre una maggioranza e una minoranza; oppure, molto spesso quando due litigano la terza persona cerca di rimetterli d’accordo”.
“Come tu con le mamme?”
“Sì, vedi. Probabilm se avessi una sola mamma, e lei non fosse qui ora, io sarei molto arrabbiato con lei”.
“Come mamma Cetta”.
“Ma siccome mamma Cetta è già molto arrabbiata, io sono portato a sentirmi meno arrabbiato di lei, perché devo stare nel mezzo. Arci questo lo capiva, ma gli altri non gli credevano. Gli dicevano: non puoi generalizzare queste cose”.
“E lui?”
“E lui rispondeva, perché no? Anche voi non fate che generalizzare i rapporti di coppia, perché io non posso generalizzare quelli in tre? Solo perché non si sono ancora visti? Ma appena si vedranno, sembreranno naturali e imperfetti come se fossero sempre esistiti. Altri gli dicevano: ma noi siamo cristiani e la Bibbia non lo permette”.
“Davvero?”
“Macché, infatti lui rispondeva: la Bibbia è un libro molto grande, sfogliatelo bene e vedrete che vi permette qualsiasi cosa”.

Ora siamo su divano, davanti a noi Supernet mostra il Pontefice che si sbraccia dal balcone di una clinica. Non ho mai capito se giornalisti e spettatori siano solo contenti della guarigione, o se non sperino di assistere di persona a una polmonite fulminante. Dev’essere un ambiguo misto di tutt’e due.
Dall’altra parte di una parete di cartone, so che Concetta mi ascolta. So che ha gli occhi sbarrati e non riesce a dormire.

“Non ho capito, papà. La Bibbia dice che ci si deve sposare in tre?”
“No, però non dice neanche il contrario. E molti personaggi importanti avevano due mogli, come Abramo o Giacobbe”.
“E c’erano anche donne con due mariti?”
“No, questo in effetti è un’assoluta novità. Ma non ha creato particolari problemi. Per molti uomini anzi è stata una specie di liberazione, perché… come faccio a spiegarti… si dividevano le donne anche prima, ma dovevano farlo di nascosto”.
“Quando sono grande, voglio avere due mariti”.
“Hai ancora molto tempo, per fortuna”.
“E poi voglio avere un bambino”.
“Se ti sposi con due uomini, dovrai averne almeno due”.
“Perché due?”
“Ogni Trimonio deve produr mettere alla luce due bambini, è la regola”.
“Ma se uno non se la sente?”
“Tesoro, avere bambini è molto importante. Un altro dei motivi per cui fu istituito il Trimonio era il fatto che se ne facevano sempre meno. A un certo punto tutte le coppie facevano solo un bambino, e così nel giro di una generazione i cittadini rischiavano di diventare la metà, mi segui? E questo non andava bene”.
“Ma non potevano farne due?”
“No, diventava sempre più faticoso, e sia la mamma che il papà dovevano lavorare”.
“E se uno dei due stava a casa?”
“Non c’erano abbastanza denari per crescere i bambini. Ma Arci aveva pensato anche questo. Lui ragionava in questo modo: non c’è nulla di grave se caliamo un po’, ma non dobbiamo dimezzarci. Allora possiamo fare così: invece di avere due genitori che produc che fanno un bambino, con un calo demografico del 50%, noi possiamo avere tre genitori che ne fanno due, riducendo il calo del 33%. Questo funziona anche per il lavoro: se chiederemmo a ogni madre di famiglia di stare in casa a badare ai bambini, noi ridurremmo la forza produttiva del Teopop al 50%. Ma col Trimonio, noi possiamo avere due coniugi che lavorano, e il terzo che sta a casa e bada ai due bambini. Risultato: 66% di forza produttiva esterna, 33% di autogestione familiare, e…”
“Papà, noi le percentuali a scuola non le abbiamo ancora fatte”.
“Scusa, hai ragione. Ma insomma, il Trimonio risolveva un sacco di problemi”.
“A me non sembra tanto”.

Ora le cose si fanno difficili. Cerco di abbassare il volume di Supernet, invano. Ultimam il comando del volume non funziona più tanto bene. Spegnere non è il caso, darei una brutta immagine della famiglia, e poi magari la bambina si spaventa.

“Tesoro, non devi pensare soltanto a noi. Arci pensava alla situazione generale, non ai casi particolari”.
“C’è una cosa che non ho capito”.
“Lo so, ma te la spiego un’altra volta, è ora di lavarsi i denti”.
“Però, papà, quando tu eri giovane il Trimonio non esisteva”.
“No”.
“E adesso ti sembra una cosa normale”.
“Certo tesoro, la cosa più normale che c’è”.
“E allora quando io sarò grande, ci si potrà sposare in quattro, sembrerà una cosa normale”.
“Ancora con questa storia? No, tesoro, non ci si potrà mai sposare in quattro”.
“E come fai a saperlo, papà? Conosci il futuro?”
“No, ma… insomma, in quattro non avrebbe proprio senso”.
“Invece in tre ha senso”.
“Sì, in tre ha senso. È molto meno divertente di quel che credevamo, ed è difficile, ma io sono tanto contento di essere sposato con le due mamme, e di essere tuo papà”.
“Papà, io vorrei parlare con Arci”.
“Tesoro, è impossibile, Arci è andato via”.
“E nessuno sa dove?”
“No, nessuno sa dove. Buonanotte”.

51 Comments

  1. “nano maledetto, non sarai mai eletto”
    lo so pure io fanfani!!!

    ciò premesso, tutto ciò mi intriga e mi vergogna, come rallentare all'altezza dell'incidente per inorridire se c'è il cadavere…
    dio, come sono curioso! com`è cominciata? chi ha trombato la morosa a chi?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...