(Contiene un coming out)

L’incoerenza è un diritto.

“Quindi se ho capito bene voi siete un gruppo di omofobi anonimi”.
“Assolutamente no”.
“Non siete anonimi?”
“Sì, siamo anonimi. Ma non siamo omofobi”.
“Come no, scusa”.
“Anzi, stiamo lottando contro l’omofobia”.
“Voi?”
“Sì”.
“Contro l’omofobia?”
“Certo”.
“E il vostro modo di lottare contro l’omofobia è aprire un blog e…”
Pubblicare una lista di parlamentari omosessuali“.
“A me sembra una cosa omofoba”.
“Assolutamente no”.
“Scusa, eh, io non è che me ne intenda, voglio dire, alcuni dei miei migliori amici sono omofobi, ma non bazzico tantissimo l’ambiente”.
“Meglio per te”.
“Però lavoro in una scuola e mi hanno insegnato questa cosa: che se un mio alunno A dà del gay a un suo compagno B, l’alunno A è omofobo”.
“Esatto”.
“Ed essere omofobi è sbagliato”.
“Giusto”.
“Essere omofobi è giusto?”
“No, intendevo sbagliato”.
“Insomma dare del gay a un bambino è omofobia”.
“Esatto”.
“Ma anche dare del gay a un adulto è omofobia”.
“Se quell’adulto non è d’accordo”.
“Se quell’adulto non è d’accordo”.
“Sì, è omofobia”.
“Allora vedi che ho ragione. Voi avete dato del gay a dieci adulti che non vorrebbero essere chiamati gay. Quindi siete omofobi”.
“Ma no, noi non siamo omofobi”.
“E perché no, scusa?”
“Perché siamo gay anche noi”.
“E questo cosa cambia”.
“Cambia tutto. Se lo facciamo noi non è omofobia”.
“Cioè, un gay non può essere omofobo”.
“No”.
“E i dieci parlamentari della lista?”
“Loro sì, sono omofobi”.
“Ma li avete messi in una lista di gay! Hai appena detto che i gay non possono essere omofobi”.
“Loro sono omofobi perché sono gay che si nascondono”.
“I criptogay”.
“Esatto”.
“Loro possono essere omofobi, mentre voi invece no”.
“Guarda che è molto semplice. Quelli sono gay che vanno in parlamento e votano leggi che penalizzano i gay. Quindi sì, loro sono omofobi. Noi invece lottiamo per i diritti della comunità gay. Non possiamo essere definiti omofobi”.
“Anche se in concreto state inchiodando dieci persone alle loro preferenze sessuali private, che di solito è una cosa da omofobi”.
“Può darsi che sia una cosa da omofobi, in generale”.
“Ah, ecco”.
“Guarda, te lo concedo. A volte ci sono medicine che assomigliano molto alle malattie che curano”.
“I vaccini, insomma”.
“I vaccini, giusto”.
“Voi inoculate un po’ di omofobia per combattere contro l’omofobia”.
“Sì, potremmo dire così”.
“Ma cos’è che hanno fatto di così omofobico questi dieci criptogay? Scusa, non è una domanda retorica, è proprio che ne sono successe così tante negli ultimi mesi che non ricordo più…”
“Per esempio hanno votato contro la proposta di legge che proponeva di istituire l’aggravante di omofobia”.
“Ah, mi ricordo! Cioè, se picchio un gay scatta l’aggravante perché è gay”.
“Non proprio. Se picchi un gay perché è gay, scatta l’aggravante”.
“Giusto. Io poi in questura direi che l’ho picchiato non perché gay, ma perché era interista, così non scatta l’aggravante, almeno finché una lobby di parlamentari interisti…”
“Non è detto che il giudice ti creda”.
“Sì, va bene, però era una legge un po’ discutibile, no?”
“Mi sembri un po’ omofobo nelle tue argomentazioni. Non è che per caso sei uno di quelli che…”
“No, guarda, in realtà io ero d’accordo”
“Sì?”
“Cioè, mi sembrava una legge che istituiva una specie di steccato intorno ai gay, insomma, un gruppo di persone che unicamente per la loro scelta di genere diventavano meno picchiabili degli altri, nel senso che se li picchiavi rischiavi di più, però…”
“Però?”
“Però d’altro canto riconosco che ci troviamo in una situazione di emergenza, cioè in questo Paese picchiare i gay è una specie di atto dovuto, a momenti c’è gente che chiede la pensione d’invalidità perché picchiando i gay si è lussato una spalla, credo che la situazione richieda una legislazione emergenziale”.
“Esatto, bravo, vedo che hai colto il fulcro del problema. C’è un’emergenza e noi siamo esasperati, non vediamo riconosciuti i nostri diritti”.
“E quindi ne chiedete di più”.
“Siamo una minoranza che ha bisogno di essere riconosciuta e rispettata”.
“E quindi mettete alla gogna dieci parlamentari che sono gay”.
“Non fare il furbo”.
“Tra l’altro non è nemmeno sicuro che siano gay, cioè, nessuna fonte, è la classica letterina anonima, tanto valeva usare indymedia roma”.
“Il problema non è che siano gay. Ma sono persone incoerenti”.
“Siete incoerentofobi, insomma?”
“Hanno una doppia morale: in casa loro sono gay, in parlamento sono omofobi. Questo non va”.
“Perché parli di doppia morale, magari hanno una morale sola che è omofoba, mentre invece la loro estetica è gay. Succede”.
“Non è giusto. Vorremmo che fossero coerenti”.
“Magari sono coerenti, nel senso che hanno smesso di essere gay e sono passati del tutto dalla sponda omofoba. Una scelta come un’altra. Oppure se uno è stato gay dieci anni fa non può cambiare idea mai più?”
“Certo che può cambiare idea, ma quei dieci lì…”
“Potrebbero anche averla cambiata la scorsa settimana. Sarebbero fatti loro”.
“Stai ragionando per assurdo. Quello che risulta a noi è che quei dieci sono gay. Omofobi”.
“E quindi incoerenti”.
“Giusto”.
“Ed essere incoerenti è sbagliato”.
“Sì”.
“Ho una brutta notizia”.
“Sentiamo”.
“L’incoerenza non è un reato”.
“E questo che c’entra”.
“C’entra tantissimo. Non c’è una sola legge dello Stato che chieda al cittadino di avere comportamenti privati coerenti con le idee prefissate in pubblico. Non una sola riga di Costituzione. Neanche un comma di codice penale. Niente. L’incoerenza è un diritto”.
“E’ comunque un comportamento esecrabile”.
“Secondo chi?”
“Secondo la nostra cultura”.
“Cattolica”.
“No, non cattolica”.
“Altroché. Farisei, sepolcri imbiancati. Dite una cosa e ne fate un’altra. Tutto Vangelo. L’incoerentofobia è una malattia senile del cattolicesimo”.
“No, senti, scusa, non ci sto. E’ una cosa normalissima, moderna, pretendere da un uomo politico un comportamento coerente con le proprie idee”.
“Quindi, siccome questi dieci erano gay, è normalissimo e moderno che chiedano un’aggravante per omofobia”.
“Sì”.
“E se non la chiedono vanno alla gogna. Ma se semplicemente non erano d’accordo? Un gay può anche pensare che l’aggravante per omofobia sia un provvedimento esagerato o controproducente, che rischia di alzare uno steccato irreale tra i gay e il resto del mondo”.
“Ma tu non la pensi così”.
“No, io penso che tutto sommato uno steccatino nell’emergenza ci possa anche stare”.
“Ecco, vedi”.
“Ma uno può anche non pensarla così, no? Se uno non la pensa così diventa subito un omofobo? Uno può anche pensare che i gay devono fottersene dell’emergenza, stringere i denti e chiedere esattamente gli stessi diritti degli altri. Un gay potrebbe pensarla in questi termini?”
“Sì, in effetti alcuni gay la pensano così”.
“E non sono omofobi”.
“No, non necessariamente”.
“Tranne quei dieci. Quei dieci lo sono necessariamente”.
“Senti, lo abbiamo già detto prima. Può darsi che sia una porcata, in generale, ma in questo momento difficile è tutto quello che potevamo fare”.
“Una letterina anonima”.
“Credi che sia facile?”
“No. In effetti no. Comunque senti. Vorrei dirti una cosa. Io e te siamo amici. Siamo amici, vero?”
“Certo”.
“Senti, devo dirtelo. Penso di essere gay”.
“Ma dai! Complimenti”.
“Beh, mica tanto, vista la situazione”.
“Sì, sì, va bene, è difficile, però è anche bellissimo, sai…”
“Però vorrei che tu non lo dicessi a nessuno”.
“Ma naturalmente, scherzi?”
“Eh, appunto, su queste cose non si scherza mica”.
“Infatti, no”.
“Quindi non lo dirai a nessuno, perché sarebbe come tradirmi”.
“Assolutamente no”.
“Neanche se volessi scendere in politica, per dire…”
“Che c’entra? No”.
“Non mi tradiresti neanche se per assurdo finissi in parlamento”.
“Dove vuoi arrivare”.
“E neanche se una volta in parlamento mi chiedessero di votare per l’aggravante di omofobia e io dopo una lunga riflessione votassi contro, neanche in quel caso mi tradiresti?”
“Sei sleale se la metti giù così”.
“Sì, vabbe’, fa lo stesso, tanto ho già cambiato idea”.
“Non sei gay?”
“No, non sono tuo amico”.

53 Comments

  1. Per ora si dà il caso, però, che quelli che vogliono di certo impedire l'allargamento dei diritti a tutti i conviventi d'Italia anziché riservarli ai parlamentari siano e restino quei politici che vanno a farsi fotografare al family day.

    "Mi piace"

  2. Vi ricordo che l'aggravante legale esiste già per aggressioni a minoranze religiose ed etniche. Tra le minoranze, quella omo e trans è la più numerosa che non sia tutelata. Quindi la legge italiana implicitamente incoraggia chiunque abbia prurito alle manine a scegliere di pestare un frocio invece di un negro. Si chiama “discriminazione”.

    Comunque, mi sembra che questo post non parli tanto di omosessualità, quanto di onestà: la morale cattolica propugnata da Leonardo, erede del senecano “non lodo la vita che faccio, ma quella che dovrei fare”, preferisce un politico con idee nette e comportamenti totalmente opposti ad uno con idee più flessibili e comportamenti coerenti ad esse.

    La morale cristiana protestante di matrice anglo-germanica ritiene invece che chi mente su una parte della sua vita, può essere disonesto anche sul resto. Pur essendo nato e cresciuto con gli ideali di Leonardo, mi sembra evidente che la situazione del nostro paese dia ragione alla mentalità protestante: chi è disonesto o reticente in un aspetto, è spesso disonesto e reticente su tutto il resto, dunque un pessimo politico.
    Un esempio tra mille: qualcuno ha ricevuto una spiegazione convincente su perché Marrazzo abbia chiuso di punto in bianco l'ospedale S. Giacomo, appena ristrutturato? Qui a Roma la stiamo ancora aspettando.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...