La ritirata di Berto

“Torno a Majano con l’autoblindo il mattino del 30 ottobre. Gli austriaci se l’erano ripresa nottetempo. Avevano 6 pezzi mitragliatrici montate su biciclette”.
“Su biciclette”.
“Almeno tre in riga, stupidamente scoperte. Procedo in retromarcia e le punto con la mia mitragliatrice di culo a 50 metri di distanza. Una raffica e la mitragliatrice austriaca al centro è rovesciata. Vedo sollevarsi il mitragliere che era coricato dietro pancia a terra e tentare di alzarsi. Ha nel petto e nel ventre un buco enorme squarciato di 30 cm che schizza sangue a fiotti, a rivoli, destra, sinistra, inondando la strada piena d’acqua, che si arrossa tutta…”

(Questo pezzo riprende Fiume 1920, che si è qualificato agli ottavi della Grande Gara degli Spunti. Se vuoi provare a capirci qualcosa, leggi qui. Puoi anche controllare il tabellone). 


Al bar il comandante teneva banco con la storia della sua ritirata del Friuli – un’anabasi di epici conflitti a fuoco. Berto gliel’aveva sentita raccontare una dozzina di volte, sempre più fiorita di dettagli vividi, sempre più simile a un’avanzata vittoriosa. Non era del resto il solo, tutti avevano il loro aneddoto su Caporetto. Era curioso. Quel che era successo nel maledetto ottobre del 1917, per un anno nessuno aveva voluto raccontarlo. Tutta questa memorialistica da locanda, da bar, da caffè concerto, ci aveva messo almeno un anno a incubare. E adesso tutti avevano la loro storia.

“Il mitragliere morto impigliato sanguinosamente nel suo trepiede è schiacciato dalla mia blindata che passa sopra. L’altro tira pancia a terra. Ho le gomme sfasciate. Il mio sergente automobilista lo insegue e lo pugnala contro la porta chiusa d’una casa. Le altre 3 mitragliatrici che ci bersagliavano nascoste nel granoturco sulla destra tacciono. Il capitano del battaglione di fanteria è colpito a terra e cade morto….”

Solo a Berto non toccava nessuna storia. Lui a Caporetto si era messo in coda, semplicemente. All’inizio non si era nemmeno reso conto di dove stavano andando – era nuovo del fronte e non capiva quanto fosse eccezionale tutto quello che gli succedeva intorno. Solo dopo un paio d’ora, quando avevano superato un carro di profughi impantanato, e il sergente si era lasciato sfuggire una bestemmia in una varietà di lombardo mai udita prima. Sergente ma che succede, dove ci mandano?

“Ma non hai capito, gnàro? Abbiamo perso la guerra. A casa ci mandano”.

Detta da lui, non era sembrata una buona notizia; a Berto però si era gonfiato il cuore, in quel momento, e da allora non riusciva a pensarci senza vergognarsene. Perché mentre quel metro e sessanta di sergente veterano tratteneva le lacrime per tre anni di battaglie sull’Isonzo mandati a puttane da quattro traditori infami, tre anni inutili a marcire in trincea mentre qualcuno a casa vendemmiava il suo e gli metteva incinta la figlia, Berto si era improvvisamente visto a casa, tutto intero, pronto per fidanzarsi a Natale e sposarsi entro Pasqua, senza che nessuno potesse permettersi di dirgli niente. In guerra non c’era andato? Appena era stato abbastanza grande da imbracciare il Novantuno. Mica era colpa sua se nel frattempo era finita. E Trento? E Trieste? Sarebbe stata per un’altra volta. Era senz’altro terribile perdere una guerra, ma almeno per un istante Berto ricordava di aver calcolato quanto gli convenisse.

Lo stesso pomeriggio aveva di nuovo incrociato Martone. Portava un fez verde mai visto, e coi suoi colleghi andava nella direzione contraria. Camerati buonasera! noi si va a Trieste! Nessuno rispondeva. Solo il sergente aveva reagito.
“Cosa dicono questi scriteriati”.
Martone si era voltato, mostrando un ghigno che Berto conosceva (gli immaginava lo stesso ghigno addosso mentre rigirava coltelli tra le vertebre dei crauti).
“Non ha sentito le novità signor sergente? La Terza Armata ha sfondato. Sono a Trieste, adesso”.
“Ma dove Trieste. Ma fatemi il piacere. Se volete andarvi ad ammazzare, almeno non raccontate storie ai ragazzini”.
“Allora se non le dispiace sergente io vado”.
“Chi vi ha dato l’ordine?”
“Non lo so, io seguo i miei?”
“E io non sono il tuo superiore, quindi vatti pure a farti inculare dove ti piace”.
“Berto tu vieni?”

Berto si era immobilizzato. Prima gli avevano detto che la guerra era finita e persa. Poi vinta. Adesso gli offrivano un po’ di gloria e lui non sapeva più cosa provare.

“Gnàro, se fai solo per seguire questo malmaturo ti fucilo seduta stante. Alle spalle”.

Il sorriso di Martone si era appena incurvato. “Sergente io e voi a fine guerra abbiamo un appuntamento”.
“Va bene, vediamo chi ci arriva”.

Il sergente era morto un mese prima della vittoria, Martone si nascondeva da qualche parte nel Carnaro. La storia della liberazione di Trieste – Berto aveva saputo poi – era una bufala messa in giro dagli austriaci.

Se il baldo furor giovanile non ti manca, orsù, vota con entusiasmo questo spunto che compete con. Il mondo dei non-ancora-nati. Metti Mi piace su facebook, o esprimi il tuo ardimento nei commenti in calce al pezzo. Eja, carne del Carnaro! e arrivederci ai quarti di finale.

20 Comments

  1. Al turno precedente mi ero fatto influenzare dal boicottaggio dell'autore, ma ora con indefesso ardimento voto Fiume! Fiume! Eja eja… (ops, mi sono fatto un po' prendere la mano)

    "Mi piace"

  2. FIU-ME
    FIU-ME
    FIU-ME
    Si vede che proprio non ti piace, però lo spunto è davvero irresistibile.
    (fra parentesi – hahaha – sono strutta per la sconfitta delle ex da parte dei procioni)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...