I procioni in semifinale

Ciao, sul serio vuoi eliminarmi?

Benvenuti al primo appuntamento di oggi con La grande gara degli spunti! È il tempo di ritrovare i terzi morbidissimi e pulitissimi semifinalisti. A chi li dà morti e sepolti da secoli, loro mostrano i denti e le vibrisse del dito medio. Hanno avuto facilmente ragione dell’Ultimo Uomo nella Galassia, hanno prevalso dopo due sfide contro l’assassino seriale delle sue ex, hanno spazzato via le Scie Chimiche, e ora sono qua, per la gioia di grandi e piccini. Salutate i vostri pelosi amici dallo spazio profondo, i simpatici Procioni!

Abstract
Il pianeta dei Procioni orbita intorno a una stella a mille anni luce dal nostro – orbitava, perché una perturbazione negli sciami tachionici ci lascia intendere che più o meno novecento anni fa fu distrutto. Nel frattempo siamo riusciti a decifrare le loro trasmissioni (grazie alle istruzioni che loro stessi avevano mandato), e ora le stiamo guardando cercando di capire come funzionava la loro società. Mentre l’umanità si divide tra chi li ama e li crede portatori di una saggezza superiore e chi propone di armarsi, gli studiosi cercano di tenere la barra al centro. Non sono né più pacifici né più violenti di noi; sono diversi. Combattono guerre rituali per evitare la sovrappopolazione; vanno in amore una volta all’anno, e in tutto il resto del tempo concepiscono solo amicizie tra individui dello stesso sesso. Gli attori delle loro telenovelas sono pelosissimi e melodrammatici. Recitano nudi, si amano vestiti. Non sanno che stanno per scomparire dall’universo. Forse non ce la stanno raccontando giusta, ma con un po’ di pazienza dovremmo capire tutto. La pazienza purtroppo non è il nostro forte.

Sembra interessante. Dove si possono recuperare altri frammenti della storia?
La fine del mondo (dei procioni)
Cosa ci insegnano i procioni
Le domande più frequenti sul mondo dei procioni


Quando mi è venuta in mente?
È lo spunto più antico tra i semifinalisti – ho un file del 2010, ma l’idea è più vecchia, credo mi sia venuta quando pubblicarono le prime foto di un qualche esoplaneta. Però non c’erano i procioni; c’era solo l’idea di un mondo che ci manda le sue trasmissioni tv anche se nel frattempo ha smesso di esistere. I procioni mi sono venuti in mente all’ultimo momento, credo sia una suggestione di un vecchio racconto (Cordwainer Smith?) Buffo, perché ho la sensazione che quello che abbia davvero spinto lo spunto fin qui siano le foto dei procioni. Non si resiste ai procioni. Il libro parlerebbe anche di questo: la fatica degli umani a resistere alla loro morbidezza. Cioè, in teoria costituiscono una sfida e una minaccia, in pratica aaawwwww.

Quanto è originale?
Sento forte l’influsso della Stella di Arthur Clarke – e di Clarke in generale, penso anche a History Lesson. Poi quel racconto che non riesco più a trovare di Cordwainer Smith, il padre di tutti i furry. No, non sono un furry. Però ai procioni non si resiste – insomma, hanno le mani. Con le vibrisse.

Potenziale commerciale?
Chi lo sa. Ai furry manca ancora una bibbia.

Che senso avrebbe?
Riflettere su com’è strano l’universo – se mai incontreremo qualcuno, saranno immagini in differita di migliaia di anni. Usare una razza diversa per riflettere su com’è strana l’umanità. Immaginare anche l’effetto emozionale di un’eventuale scoperta del genere sull’umanità: cosa succede quando scopriamo di non essere più soli? Cosa succede poi quando scopriamo che invece siamo soli, in compagnia di fantasmi di un passato remoto? Ecc.

Mi farò dei nemici?
Molti fisici – questa cosa degli sciami tachionici, non credo che la manderanno giù. E vabbe’.

Cosa dovrei studiare?
Ecco, non saprei. Il comportamento dei procioni, sicuramente. Qualche lingua dalla grammatica assurda (mandarino?) Crittografia – come diavolo abbiamo fatto a decifrare le trasmissioni? E tante altre cose.

Dimensioni?
C’è da descrivere un mondo intero, come si fa. Per dire, dopo un po’ gli uomini cominciano a sospettare che tanti edifici ciclopici e molto antichi non siano stati costruiti dai procionidi, ma da qualche altra razza intelligente (spiegherebbe il perché hanno completamente sterminato gli orsi). Cioè davvero si può allungare a piacere.

Eventuali sequel?
Dipende da come va a finire.

Contro chi gioca in semifinale?
Contro Copernico

Per chi tifo?
Copernico è più facile, i Procioni… come si fa a non voler bene ai procioni.


27 Comments

  1. Ma con la finale già domani, qual è il termine ultimo per votare la sfida di oggi?
    So già che avrò bisogno di tempo: la mia parte razionale tifa copernico ma il mio cuore tifa procione. Non so che fare.

    "Mi piace"

  2. La scelta è molto difficile in quanto mi piacciono molto entrambi gli spunti: entrambi infatti permettono di scavare a fondo nella psiche umana.

    Quello dei procioni mi incuriosisce per come i nostri pre-giudizi (i procioni coccolosi, un'armonia con la natura di fatto inesistente, ecc) influenzano la nostra visione oggettiva; quello di Copernico mi incurisisce per il gruppo di persone chiuse in uno spazio ristretto e per come la missione diventi poco a poco un mito.

    Un problema però l'ha già sollevato Leonardo: la tematica di Copernico protrebbe suonare un po' nerd-vintage, diciamo per gli appassionati di materiale asimoviano (io, per esempio), mentre i procioni si rivolgono ad un bacino di pubblico potenzialmente maggiore.
    D'altra parte c'è il problemuccio degli sciami tachionici, ma da scienziato mi sento disposto a perdonarlo in quanto si tratta di un piccolo artifizio a fini narrativi: vogliamo forse paragonarlo con porcherie immonde tipo “Armageddon” dove viene violata anche la fisica classica? Dove una cometa si avvicina al nostro pianeta e nessun astronomo la nota, ma solo quelli del governo USA che loro sì che sono fighi?
    Insomma, dei tachioni non mi preoccuperei troppo.

    Su tali basi VOTO I PROCIONI, ma è stata una decisione sofferta visto che entrambi gli spunti mi intrigano assai.

    "Mi piace"

  3. 1 Voto per i Procioni.
    L'altro ha del potenziale e, se non mi sbaglio, un'idea originale (quella del risveglio a intervalli di un secolo), ma bastano un singolo espediente e un potenziale così indefinito? La trama in sé non ha nulla di originale ed è assai statica. Sì, è vero, nell'astronave generazionale può succedere di tutto, ma può succedere di tutto in qualsiasi altro contesto. Troppo, in questo spunto, dipende dalla quantità e consistenza dei singoli espedienti che saprai trovare. Inoltre credo di vederci un paio di “rattoppi”, su questioni non secondarie, che mi infastidiscono più dei tachioni.
    Nello spunto dei procioni, al contrario, mi pare siano già visibili, in embrione, elementi più complessi e interessanti, e meno rattoppi. Inoltre il procione è il classico personaggio bizzarro (ora mi vengono in mente alcuni stranissimi personaggi, a volte al limite del ridicolo, di Clifford Simak), che permette di stimolare la fantasia del lettore e di creare un utile contrappunto (sognante?, fanciullesco?) alla serietà delle situazioni descritte.

    "Mi piace"

  4. la tavola degli elementi è perfetta, ma purtroppo (ehm, io lo dico per te…) l'hanno già usata.

    …visto che nel minestrone c'è anche la musica, puoi provare con gli armonici degli strumenti a tazza, che so' fissi.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...