Il partito più e meno democratico

Immaginate un Paese con due partiti. Veramente ce n’è anche un terzo, molto importante, ma il suo proprietario è anziano e non si rassegna a passare la mano, nemmeno ai figli. Gli altri due partiti invece si considerano entrambi a loro modo democratici, anche se questa cosiddetta democrazia non potrebbe prendere due forme più diverse.

Il primo partito è nato un po’ prima dell’altro. Riconosce il diritto dei tesserati a esprimere candidature e proposte, ma nei fatti tutte le decisioni vengono prese dal comitato dei fondatori. Prima di poter prendere parte alla discussione i tesserati devono attendere molti mesi. Il secondo partito, anche per volontà di distinguersi, ha aperto le porte a tutti: chiunque può entrare, aderire e votare immediatamente. Ne risulta un certo caos. Li avete riconosciuti? (continua sull’Unita.it, H1t#203)

Il primo è quello nato nel 2005 sotto forma di Meetup Amici di Beppe Grillo, e che oggi chiamiamo Movimento Cinque Stelle. Beppe Grillo ne è presidente, coordinatore e portavoce, e soprattutto possiede il marchio: lo può ritirare a chi vuole quando vuole. Dopo tante insistenze da parte della base, finalmente il movimento si è dotato di una piattaforma digitale, pomposamente definita “sistema operativo” per condividere proposte e iniziative. Per ora però possono accedervi soltanto i tesserati al giugno 2013: una precauzione per evitare le infiltrazioni (anche quando si trattò di nominare un candidato m5s al Quirinale, la consultazione telematica fu ristretta a chi si era tesserato entro il dicembre dell’anno scorso).
Il secondo è il Pd, nato nel 2007, e che da allora non ha praticamente mai smesso di consultare una base magmatica, in perenne evoluzione. All’inizio addirittura il fondatore Veltroni voleva fare a meno di tessere – ma forse aveva in mente un modello plebiscitario, in cui la vittoria alle primarie avrebbe legittimato un leader e il suo staff a prendere qualsiasi decisione ritenesse necessaria. Il leader però era molto meno sicuro del necessario, e la sconfitta elettorale finì per indebolirlo anche agli occhi di chi lo aveva sostenuto. Da lì in poi ha ripreso forza l’idea di un partito radicato attraverso federazioni, sezioni e tesseramenti: senza che l’ideale plebiscitario tramontasse del tutto. Il risultato è il caos di questi giorni, denunciato da Cuperlo e preannunciato da CivatiI vecchi rais delle tessere rialzano la testa, e a contrastarli non esiste nemmeno più quella norma di buon senso per cui durante una campagna congressuale il tesseramento dovrebbe essere sospeso.
Il risultato è paradossale: il Pd ‘verticista’, il Pd ‘baluardo della partitocrazia’, è di fatto il movimento politico più aperto e scalabile che esista in Italia. Al confronto il M5S, con la sua selezione all’ingresso, sembra una setta esoterica. In realtà entrambi i partiti sono meno democratici di quanto li vorremmo. Il M5S non riuscirà probabilmente mai, per costituzione, a liberarsi dal suo padre-padrone; il Pd sta per nominare il suo quinto segretario in sei anni, eppure non riesce a trasformare un’occasione di democrazia in qualcosa di diverso da una guerriglia tra gruppi dirigenti, condotta sezione per sezione.http://leonardo.blogspot.com

15 Comments

  1. Sei sempre geniale! Chapeau!
    Perché affrontare semplicemente il “caos” tessere pd…quando si possono prendere due piccioni con una fava?
    Primo piccione: tirare in mezzo il m5s (non si sbaglia mai..) e il novello Adolfo …paura Marcell_o eh..?
    Secondo piccione: in questo modo-allargando il discorso alle altre forze politiche- “ridimensionare” il “caos tessere pd”
    Leo, so già che non verrà considerato questo mio intervento ma ci provo ugualmente… un giorno ci spieghi qual è la differenza tra Giornalismo e Propaganda? Grazie.

    "Mi piace"

  2. Leonardo, in verità credo che tu scambi per apertura quello che é semplicemente un diverso grado di centralizzazione. Nel Movimento comanda il re, nel PD comandano i feudatari.

    "Mi piace"

  3. anonimo 1
    due cose:
    temere per la democrazia non è esattamente avere paura (chiedi a grillo la differenza)

    forse tu non sai cos'è la differenza tra giornalismo e propaganda, di sicuro non sai la differenza tra articolo di giornale e blog

    "Mi piace"

  4. Dire che il PD è nato nel 2007 è come dire che il PDL è nato nel 2009. Giochetti di parole buoni per le platee di pensionati delle vostre sezioni emiliane, forse.

    "Mi piace"

  5. Leo, polemiche a parte, non mi sembrano pretestuose le critiche che ti sono state mosse. Potrebbe essere troppo facile rispondere solo alle osservazioni “facili”. So bene che tu non DEVI nessuna risposta a nessuno, sarebbe però, credo, un momento di crescita per tutti…
    Cosa ne pensi….

    "Mi piace"

  6. Un vecchio detto è “la differenza fra un dittatore e un rivoluzionario è che il rivoluzionario è una persona che muore un secondo prima di diventare dittatore” (vedasi ad esempio Gesù, Che Guevara, ecc…).
    Per Grillo è semplice: lui sin da adesso aspira al 100 % e a spazzare via chi non la pensa come lui, è già dittatore oggi senza mai essere stato rivoluzionario.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...