Temo Berlusconi anche quando scrive i bigliettini

Va bene, diciamo che Berlusconi a questo punto potrebbe essere la mina che fa esplodere questa maggioranza: e poi? No, intendo, a maggioranza esplosa quale sarebbe il piano? Un campo extralargo con tutti dentro tranne Salvini e Meloni? Quasi un regalo per questi ultimi. Qualche altro mese di Draghi dimissionario e poi si torna alle elezioni, ma stavolta con un Berlusconi al centro che sposterebbe gli equilibri? Interessante. 

No, scusate, non è davvero così interessante. Lo è per i commentatori politici, questo sì, a cui una crisi di governo ancora prima del governo fornirebbe un sacco di argomenti proprio quando ormai la partita sembrava chiusa: l’affetto che provano per questo Berlusconi al tramonto – così umano nei suoi comportamenti stizziti – è abbastanza comprensibile. I nonni hanno sempre qualcosa di rassicurante, anche quelli che hanno rotto con gli eredi e ormai vogliono soltanto vedere il mondo bruciare. Lo capisco. Coi postfascisti al potere non c’è da fare gli schizzinosi: se la prima crepa nel loro bunker comparisse grazie a un Silvio Berlusconi, non ci dispiacerebbe. Avrebbe anche un senso narrativo, diciamocelo: io vi ho sdoganato e io vi distruggo, o almeno ci provo, e riscatto all’ultimo minuto la mia figura di villain. Oddio, i malvagi alla Darth Vader di solito all’ultimo momento compiono qualcosa di buono perché si sono pentiti del male che hanno fatto, laddove fino all’ultimo Berlusconi sembra ossessionato da una fame di affermazione così implacabile che non lo ha lasciato in pace neanche quando era davvero l’uomo più ammirato d’Italia: e ancora oggi sembra la forza innaturale che lo tiene in vita, determinato a mantenere il centro della scena, a espugnare un ormai impossibile Quirinale. Più che un Darth Vader, un Gollum, la cui ossessione potrebbe mandare a monte i piani più lungamente preparati. In ogni caso qualcosa di diverso dal Berlusconi che abbiamo conosciuto fin qui. Una scheggia impazzita, un battitore libero, ho finito i modi di dire giornalistici ma credo di essermi spiegato: qualcosa che Berlusconi non era mai stato.

 Ai tempi in cui era realmente il padre/padrone del centrodestra, mi è capitato più volte di criticare chi professava un antiberlusconismo ormai astratto, completamente trasferito in una sfera morale dove “Berlusconi” non coincideva nemmeno più con l’imprenditore barzellettiere: più di quel Berlusconi lì, occasionale, accidentale, avremmo dovuto diffidare del “Berlusconi che è in noi”. Io invece ero tra quelli che non perdeva l’occasione di ribadire che prima di essere un’idea della mente, Berlusconi era un essere umano concreto, che ci danneggiava concretamente, perseguendo concreti obiettivi che non erano certo i nostri. Al massimo, se proprio si voleva astrarre un po’, concedevo che “Berlusconi” in realtà era un’azienda (anzi più di una): il che significava tra l’altro che il berlusconismo sarebbe sopravvissuto all’ometto in carne e ossa e avrebbe continuato a perseguire gli obiettivi delle sue aziende. 

Proprio per questo motivo, accanto al declino psico-fisico (di cui bisogna comunque tenere conto), occorrerebbe sempre calcolare quello economico: Berlusconi rappresenta ancora gli interessi di un importante gruppo economico? Più concretamente: ha ancora voce in capitolo nei palinsesti Mediaset? Perché da lì passa ancora una parte cospicua della costruzione del consenso intorno alla destra italiana. Non è che non mi dispiacerebbe un Berlusconi in rotta co aa Meloni: ma parliamo di un vecchietto arzillo, ormai simpatico anche a tanti detrattori, ancora disposto a combinare qualche guaio pur di rimanere sotto i riflettori, ancora convinto di poter ottenere qualche buon affare per sé e per le sue collaboratrici più strette… o parliamo del caimano che con tre colpi di telefono può licenziare i conduttori tv che non si allineano? Perché potrebbero essere due Berlusconi diversi ormai. Non che mi fiderei di nessuno dei due, ma dovessi scegliere preferirei poter contare sul secondo. Il primo ci delizierà ancora con tanti siparietti, ma rischia di restare solo molto presto: e l’attenzione che sta attirando, potrebbe concentrarla sul fatto che alla fine si può fare a meno di lui. 

via Blogger https://ift.tt/5J8AUmj

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...