118. Via, via, via da queste sponde

[Buongiorno dalla Gara delle canzoni di Franco Battiato – oggi col derby dell’estate].

Si vota qui – il tabellone

1981: Summer on a Solitary Beach (Battiato/Pio, #7).

Battiato, un cantante per l’estate (ve lo sareste immaginato, un torneo come la Gara, in un’altra stagione?) Se non gli è successo, come alla collega Giuni Russo, di rimanere bloccato in una definizione del genere, è forse semplicemente perché dagli artisti di sesso maschile ci si aspettava una maggiore duttilità. E in effetti a guardar bene il catalogo, le stagioni le ha cantate tutte (anche se per l’inverno si è affidato a De André). Non c’è dubbio che però, delle quattro, l’estate sia stata il suo destino. La prima competizione in cui trovò successo: il Disco per l’Estate. L’argomento di tante sue canzonette del periodo (non necessariamente scritte da lui): ti devo lasciare per l’estate / ti devo lasciare perché è finita l’estate. La sua prima canzone autobiografica, Sequenze e frequenze; e dopo la fase sperimentale, il suo primo successo da autore: Il vento caldo dell’estate. (E il secondo: Un’estate al mare). (Il terzo non so se si possa definire successo: Cocco fresco cocco bello di Ombretta Colli). Persino i brani della Voce del padrone cominciarono a circolare intensamente nei mesi estivi del 1982, quando ormai FB aveva un altro album in canna. Quest’aura estiva era giustificata dal brano d’apertura, in cui Battiato riprendeva le atmosfere di Sequenze e frequenze (compresa l’irruzione finale del sax di Aries). È come se il successo, inseguito o conseguito, coincidesse con l’arrendersi all’estate, alle sue statiche epifanie.  

1984: I treni di Tozeur (Battiato/Cosentino/Pio, #10)

Potete ascoltare per decenni Tozeur – perlomeno a me è successo – senza far caso alla bislacchità di quel primo verso: le strade vedono passare i treni. Insomma non c’è anima viva che li guardi quei treni, nemmeno una lucertola, un insetto, nessuno: ma esiste un treno se nessuno lo guarda passare? Ma siccome il treno effettivamente esiste, stabiliamo che lo guardino passare le strade. Tutto questo, a cercare di spiegarlo, prende righe su righe di circonlocuzioni ridicole, mentre per anni il significato subliminale era penetrato con chiarezza: i treni passano e per strada non c’è nessuno. Battiato procede per immagini incongrue come miraggi nel deserto (le astronavi nelle chiese abbandonate, di nuovo, una delle cose più insensate e più suggestive che ha scritto).

Ripeterò un’altra cosa sul duetto: in un paio di occasioni, Battiato comincia un verso “i treni…” e Alice lo completa (“…di Tozeur”). Come se fosse un solo cantante. È un miraggio anche questo, volendo: e funziona quasi soltanto se la voce femminile è quella di Alice. 

Si vota qui – il tabellone

via Blogger https://ift.tt/zebOjsl

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...