Ci fece un cenno dai vetri e fu tutto

Noi leggevamo un giorno per diletto,
noi leggevamo un giorno sul diretto,
soli
eravamo e senza alcun sospetto,
sordi eravamo e senza alcun cornetto,
stolti
eravamo e senza alcun concetto,
saliti a Teramo senza biglietto,
senza burro né
strutto,
né pancetta né prosciutto.

Morti eravamo, senza alcun costrutto.
Sola,
la morte, in sala d’aspetto,
era una notte di modesto aspetto,
povera morte
senza doppiopetto,
ci fece un cenno dai vetri e fu tutto. 

(Nell’anno di Gianni Rodari,
ricordarsi di questa pubblicata sul “Caffè” che comincia come una filastrocca scema da ginnasiali e poi
sembra che diventi sempre più scema e invece all’improvviso si impenna e con quel “cenno dai vetri” sorpassa Montale sul filo).

via Blogger https://ift.tt/3iUQ3R6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...