Un vecchio sfatto spettinato che si aggira nel piazzale la mattina

“Buongiorno professore, se per caso ha tempo…”
“Sono di sorveglianza” 
“…abbiamo un problema”.

“Con la fotocopiatrice?”
“No, sono venuti i ragazzi della prima X, quelle che stanno al piano di sotto”.
“Eh, non li conosco ancora tanto bene”.
“Dicono che quando arrivano la mattina nel piazzale ci trovano spesso un tizio… sempre lo stesso”.
“Sempre lo stesso tizio”.
“Un vecchio, dicono”.
“Sempre lo stesso vecchio. Ma vecchio in che senso?”
“Non saprei… ha la barba bianca, dicono”.
“Sempre lo stesso vecchio con la barba bianca la mattina nel piazzale”.
“Che li guarda, li osserva, non lo so”.
“Sempre lo stesso vecchio con la barba bianca e un’aria controllora”.
“La faccia un po’ sfatta, spettinato”.
“Sempre lo stesso biancobarbuto dall’aria controllora, sfatto spettinato”.
“Proponevano di chiamare i vigili”.
“No, i vigili no”.
“Ma infatti anch’io ho detto aspettiamo, magari fategli delle foto”.
“No, meglio di no. Un vecchio sfatto spettinato barba bianca”.
“Così le mandano ai vigili”.
“No, non devono mandare ai vigili foto di un vecchio sfatto spettinato biancobarbuto che si aggira nel piazzale la mattina”.
“E perché no?”
“Perché sono io”.
“Oh”.
“Eh”.
“Non ci avevo pensato, professore”.
“E meno male, che mi vede ancora con altri occhi”.
“Eh?”
“Niente, niente. La fotocopiatrice invece, tutto ok?”
“Un po’ sbiadita ormai”.
“Quello si risolve”.

via Blogger https://ift.tt/2EdMDuc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...