Zzz

“Comunque io ho l’ultima parola, no?”
“Eh? Chi parla?”
“Sono Rousseau”.
“Ah, già Rousseau, ciao Rousseau [minchia che palle questo]”.
“Lo hai detto tu che avrei avuto l’ultima parola“.
“L’ho detto?”
“Sì”.
“Ma infatti è così! Tu sei la democrazia diretta, tu sei la volontà del nostro elettorato, è ovvio che tu abbia l’ultima parola”.
“Mi pare il minimo”.
“Il minimo?”
“Cioè io sono la democrazia diretta, mica un ratificatore qualsiasi, se si faceva una trattativa avrei dovuto esserci, no?”
“Rousseau, abbi pazienza, ma come facevi a partecipare a una trattativa riservata con…”
“Lo streaming”.
“Ma dai Rousseau, ancora con ‘sto streaming”.
“State diventando troppo simili a quegli altri”.
“Rousseau, così mi offendi”.
“Trattative a porte chiuse, caminetti…”
“Se ti offendi poi non puoi più decidere con oggettività”.
“Io non devo essere oggettivo, io devo dire tutto quel che mi viene in mente! Sono il buon selvaggio! Sono l’Emilio! Sono Rousseau”.
“Che palle però”.
“Eh?”
“No, niente”.
“E allora, questa ultima parola me la fate dire?”
“Ma certo”.
“Mi spetta per statuto”.
“Ma naturalmente”.
“E quindi?”
“E quindi prendi un vocabolario, su”.
“Un vocabolario?”
“Per statuto hai diritto all’ultima parola, no? Quindi controlla sul vocabolario”.
“Ma cosa devo controllare”.
“Cioè ma sei duro davvero. Altro che buon selvaggio. Hai un vocabolario in mano, ti ho chiesto di dire l’ultima parola, prova ad andare all’ultima pagina”.
“L’ultima pagina?”
“Qual è l’ultima parola del vocabolario?”
Zuzzurellone“.
“Ah ah ah, Rousseau, sei proprio una sagoma”.
“Ma una sagoma in che senso, io non…”
Zuzzurellone. Che roba. Va bene, basta con la satira politica. Prendi un vocabolario serio, controlla: qual è l’ultima parola?”
“Il Treccani va bene?”
“Ottimo. E allora quest’ultima parola qual è?”
Zzz“.
“Definizione?”
Indicazione grafica con cui si rappresenta il ronzio di un insetto (in partic., di una zanzara) che vola, e anche il sibilo ronzante di persona che russa“.
“Mi sembra perfetto”.
“Era l’ultima parola?”
“Proprio così. Puoi twittarla se vuoi”.
“N-no, no grazie. Ma quindi adesso…”
“Se vuoi te la linkiamo sul Blog delle stelle”.
“Ma no, non vale la pena, no…”
“Su quello di Beppe non si può più, sai che è in crisi mistica“.
“Ma insomma adesso che faccio?”
“Che fai? Vedi un po’ tu. Hai detto l’ultima parola, direi che puoi filartene a nanna. Buonanotte, Jean-Jacques”.
“Io però… la democrazia diretta… non so…”
“Che altro c’è?”
“Me la sognavo un po’ diversa”.
“I sogni son desideri. Buonanotte”.
“Zzz”.

via Blogger https://ift.tt/2Hx5kaE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...