Il santo che tolsero da tutti i portachiavi

25 luglio – San Cristoforo, cinocefalo, ex patrono degli automobilisti

San Cristoforo e il bambin Gesù, portachiavi

[2012]”Wof”.
“Ciao Cristoforo, qual buon vento! Erano secoli che…”
“Taglia corto. Voglio vedere il capo”.
“Il… il capo non riceve, mi dispiace”.
“Cosa vuol dire che non riceve. Non ha senso. Io gli devo parlare. Adesso”.
“Adesso no, Cristoforo, adesso è in… in riunione”.
“Ecco. Parliamo di queste riunioni. Cosa sta succedendo là sotto, me lo vuoi spiegare? Cosa stanno combinando?”
“Ma niente… rimettono a posto il calendario, cose che capitano, d’altronde ogni tot secoli una riforma è necessaria, devi pensare che arriva gente nuova in continuazione, e così…”
“E io che c’entro? Forse che ho fatto qualcosa che non va?”
“Ma no Cristoforo, non c’è niente che non vada, però…”
“È vero che mi tolgono il patronato degli automobilisti? Perché? Forse che non li ho protetti?”
“Hai fatto quel che hai potuto, ma…”
“E poi se li tolgono a me a chi li danno, scusa”.
“A Sant’Antonio, pare”.
“Antonio? L’eremita?”
“Noo. Quello nuovo, il francescano… Antonio di Padova”.
“Il ragazzino? E che ha fatto, scusa, che c’entra lui cogli automobilisti”.
“L’hanno visto col Bambino in braccio, miracolo attestato in un processo di canonizzazione”.
“Col Bambino in braccio? E io allora? Non ce l’ho un affresco col bimbo in spalla in tutte le cattedrali d’Europa?”
“Cristoforo, eddai…”

Cima da Conegliano,
San Cristoforo col bambino e San Pietro

“In braccio. Quel francescano smagrito. Ma vuoi mettere. Gesù si tiene sulle spalle. Seduto comodo, in posizione frontale, come un automobilista, appunto. Sennò vabbe’, capirai, il bimbo in braccio… allora diamolo pure alla Madonna, il patronato degli automobilisti. Ma chi è questo Antonio. È appena arrivato e già fa le scarpe agli anziani”.
“È qui da sette secoli, ormai…”
“Appunto. Una matricola. Io lo sai che sono qui da quando hanno messo in piedi la baracca”.
“Forse anche da prima”.
“Esatto”.
“È un po’ questo il problema, Cris. Tu sei veramente un po’ antico”.
“Arf! Che male c’è?”
“Basta vedere gli affreschi più vecchi, il bambino sembra minuscolo sulle tue spalle”.
“Sono un gigante, e allora? Cosa c’è di male?”
“C’è che i giganti non esistono, Cristoforo”.
“Che ne sai tu. Una volta, magari…”
“Una volta, una volta. Adesso queste cose si sanno. C’è la paleontologia, l’archeologia. I giganti non sono mai esistiti”.
“Magari ero un Neanderthal”.
“Eddai Cristoforo, non fare il furbo. È saltata fuori questa cosa imbarazzante della cinocefalia”.
“Wof, di che parli?”
“Nelle raffigurazioni più antiche avevi la testa di un cane, Cris”
“Embè?”
“Senti, non è niente di personale. Non è che ti cacceranno proprio… ti toglieranno dalla prima fila del calendario, questo sì”.
“Bau! Cosa?”
“Per quanto riguarda il patronato degli automobilisti, cerca di capire… è un affare serio, parliamo di un settore in crescita vertiginosa, c’è tutta una gadgettistica che sta fiorendo, calamite, adesivi da parabrezza, portachiavi…”
“Io mi sono difeso bene, non puoi dire di no”.
“Non sto dicendo questo. Però cerca di metterti nei panni del capo. È un ruolo importante. Non possiamo metterci uno che forse all’inizio aveva la testa di cane. Serve un tizio che abbia dei riferimenti storici, uno di cui si possa dimostrare l’esistenza. Mentre tu…”
“Io cosa? Cosa c’è che non va con me?”
“Tu sei una leggenda, Cristoforo, dai”.
“Ma siamo tutti leggende, qui…”
“Tu più di altri. Sei un mostro che guada il fiume col bambino sulle spalle. Magari eri una figura mitologica legata a qualche guado di fiume, o il guardiano di un ponte. Sempre che tu non sia Anubi”.
“Anubi? Io? Ma come vi è venuta in mente”.
“Già, chissà come. Un traghettatore con la testa di cane, guarda un po’”.
“Pietro, questo è veramente un colpo basso”.
“Anubi traghettava le anime dal mondo dei vivi al mondo dei morti. Sei sicuro di non saperne niente?”
“Un santo come me, a cui hanno dedicato cattedrali e sagre…”
“La tua festa è il 25 luglio, giusto? La levata eliaca di Sirio, pensa un po’”.
“La levata che?”
“Non fare il furbo. La levata eliaca è il giorno dell’anno in cui una stella sorge esattamente all’alba. Nell’antico Egitto la levata di Sirio annunciava la piena estiva del Nilo”.
“Molto interessante, ma che c’entro io…”
“Sirio è la stella alfa della costellazione del Cane”.
“Costellazione greca, non egiziana”.
“Aha! Vedi che queste cose le conosci. Il 25 luglio è l’inizio della canicola, il periodo più caldo dell’anno”.
“Io non c’entro niente, io porto il bimbo in spalle, basta”.
“Di Anubi si sono perse le tracce con l’arrivo dei Greci. Sappiamo che a un certo punto si è fatto assumere nel loro pantheon come Ermete Psicopompo, l’accompagnatore delle anime. Un autista, praticamente. Però…”

Chi è Anubi? Bau, bau
mai sentito

“Non lo conosco”.
“…però c’è questo dettaglio intrigante in Apuleio, che parla di un culto di Anubi ancora nel secondo secolo dopo Cristo, a Roma…”
“Wof! Non ci sono prove!”
“Cris, sei sicuro di non essere Anubi, il dio egiziano dei morti, lo sciacallo inventore dell’imbalsamazione?”
“Ma certo che ne sono sicuro”.
“Puoi dimostrarlo?”
“Siete voi che dovreste provare il contrario, al massimo”.
“Erano tempi un po’ particolari, lo sai meglio di me. C’era il calendario vuoto e molti riti pagani ancora ben radicati, e insomma, si cristianizzò tutto molto in fretta e un po’ alla benemeglio. Anch’io in fin dei conti ho una barba bianca un po’ da Zeus, diciamo. Però sto nei vangeli, sono abbastanza inattaccabile. Ma tu?”
“Io ho un sacco di affreschi…”
“Sei una figura del folklore. Il gigante selvaggio che salva il bambino. Sei anche un topos letterario. Ma non possiamo metterti nei portachiavi. Che figura ci facciamo?”
“Fino all’anno scorso andava tutto bene”.
“Siamo nel 1969, l’uomo è andato sulla luna. L’uomo protestante, almeno. Il cattolico deve ancora star lì a credere ai giganti e onorare gli sciacalli del mondo dei morti? Eddai”.
“Mentre invece Antonio…”
“È un predicatore, un francescano, un personaggio storico, ha un carnet di miracoli attestati che non finisce più. E poi era cosmopolita, parlava una dozzina di lingue, tu ancora abbai”.
“Non abbaio più così tanto”.

Sant’Antonio e il bambin Gesù, portachiavi

“È ancora un po’ troppo, Cris, mi dispiace”.
“Ho guidato Colombo verso il Nuovo Mondo, ricordati”.
“Fu una botta di culo, lo sanno tutti”.
“E così mi date il benservito”.
“Ma non è così… si tratta di aver pazienza, è cominciata questa fase industriale in cui si dà importanza ai documenti, alla scienza… magari passa un secolo e ti ritiriamo fuori, anche con la testa di cane. Lo sai che ci fu un dibattito medievale sui cinocefali, chi diceva che erano anche loro figli di Dio e chi diceva di no?”
“E allora?”
“E allora per certi versi precorreva i tempi, era un dibattito sulla diversità radicale, in seguito abbiamo capito che i cinocefali non esistono, ma ora ci stiamo misurando con diversità sempre maggiori, per dire, metti che incontriamo razze extraterrestri intelligenti, metti che invece di essere primati siano canidi, per dire… A quel punto torni in ballo tu, con la testa originale”.
“Mi stai dicendo che devo aspettare degli ET con la testa di cane?”
“Non necessariamente, però in pratica sì, si tratta di aspettare. Sei un archetipo dopotutto. Hai l’eternità davanti”.
“Wof”.
“E non fare così, su. Non ti ha preso a pedate nessuno”.
“Wof”.
“Senti. Non ci guarda nessuno. Perché non facciamo un gioco?”
“Wof”.
“Io tiro le chiavi e tu me le riporti”.
“Arf! Arf! Arf!”

via Blogger https://ift.tt/2YvsYhq

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...