Ma come? Era solo un piano B!

“Ma guarda un po’ chi si vede”.

“Rieccoci”.

“Sì ma stavolta è diverso, stavolta ero io che ti stavo cercando”.

“Rieccoci”.

“Sì, sì, fai pure il furbo, stavolta non mi freghi, stavolta ho studiato e parecchio e ho ben chiaro il nocciolo della questione”.

“Rieccoci”.

“Quindi stammi a sentire: sai quei soldi, quei totmila miliardi che ti devo? Beh, non credo proprio che te li darò”.

“Rieccoci”.

“Del resto l’hai sempre saputo”.

“Rieccoci”.

“Lo sapevano quelli che me li hanno dati, lo sapevi tu quando hai comprato il mio debito. Non hai mai veramente pensato di riaverli indietro, no?”

“Rieccoci”.

“Tutto quel debito, te lo sei preso soltanto perché credevi che così mi avresti tenuto per le palle, per quanto? Per sempre? Avrei sempre dovuto inginocchiarmi e portarti rispetto, vero? Avrei dovuto usare la tua moneta, rispettare le tue normative, eleggere governanti che ti stessero simpatici, eccetera eccetera, beh, sai cosa ti dico? Io sono un popoloso Paese del Mediterraneo e ti dico: vaffanculo”.

“Rieccoci”.

“Vaffanculo te e vaffanculo il tuo debito, che poi è il mio, ma tanto non te lo pago più e quindi non esiste. Mi faccio governare da chi mi pare, e se domattina mi vien voglia di stampare coriandoli e usarli come moneta, perché no? Sono un popolo sovrano”.

“Rieccoci”.

“L’hai capito o no, vecchio rintronato?”

“Rieccoci”.

“Quindi adesso me li presti quei venti euro?”

“No”.

“Ma come no”.

“No”.

“Ma senti, non l’hai capito? Era solo tutta una scena… stavo facendo la voce grossa perché tutti vedessero che non ho perso l’orgoglio… ne ho bisogno, capisci? Secondo te voglio veramente usare i coriandoli come moneta?”

“Rieccoci”.

“Ma no, dai, mi vedi? Sono un economista stimato, non avrei mai… è solo un bluff, l’hai capito benissimo che è un bluff, no? Lo chiamo piano B, ma figurati se davvero voglio… cioè non sono uno scemo, no? No?”

“Rieccoci”.

“Ma scusa eh, ma siamo in due su questa barca, no? Se io faccio un bluff, tu potresti anche far finta di crederci”.

“Rieccoci”.

“E poi cosa vuol dire il tuo ritornello, stavolta, rieccoci, neanche tutto questo fosse già successo, è già successo?”

via Blogger https://ift.tt/2L6BadB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...