La partita di giro

“Oh, ciao, stavo cercando giusto te”.

“Ancora”.

“Sì, beh, senti, ovviamente è sempre per quei soldi che ti devo, ti ricordi”.

“Ancora”.

“Sì ma mi è venuta in mente un’altra idea. Questa però è interessante, sul serio, ci ho pensato molto”.

“Ancora”.

“No, non è la solita idea, questa è diversa. Senti. Siamo usciti dall’ipocrisia. Sappiamo benissimo che io continuerò a chiederti dei soldi”.

“Ancora”.

“E tu continuerai a darmeli. Sarà sempre così. Lo so io, lo sai tu, lo sappiamo tutti”.

“Ancora”.

“Però. Però. È anche vero che io un sacco di questi soldi te li devo restituire. Verissimo”.

“Ancora”.

“Sì, non te li ho ancora dati. Ma pensaci bene. Fa un passo indietro. Non noti niente? Io ti devo dare dei soldi, tu continui a darmi dei soldi. Ci stiamo rimbalzando gli stessi soldi, hai capito?”

“Ancora”.

“Insomma è una partita di giro, come si dice”.

“Ancora”.

“Quindi, se adesso segniamo che te ne devo, per dire, duecento miliardi di meno…”

“Ancora”.

“Tu poi me ne darai duecento miliardi di meno, e siamo a posto così, no? Una partita di giro. Bastava pensarci prima”.

“Ancora”.

“Allora affare fatto? Segniamo duecento miliardi in meno?”

“Ancora”.

“Fantastico, lo vedi che a volte le idee migliori vengono ai meno esperti. Adesso, senti, a proposito, oggi pomeriggio devo sempre andare a Bologna…”

“Ancora”.

“Ce li hai sempre quei venti euro?”

“No”.

“Ma come no, scusa”.

“No”.

“Aspetta, lasciami capire. Mi stai dicendo che i venti euro farebbero parte della partita di giro?”

“Ancora”.

“Ma mettiamoli in un conto a parte, scusa, non è che adesso perché c’è una partita di giro non puoi darmi i soldi che mi servono adesso. Mi servono, lo vuoi capire o no?”

“Ancora”.

“Io ho il sospetto che tu non capisca. Sei solo un freddo algoritmo, te ne freghi delle mie reali esigenze”.

“Ancora”.

“Non mi stai neanche ad ascoltare, in realtà non esisti, sei un’astrazione, sto parlando col nulla”.

“Ancora”.

“Un nulla a cui devo dare un sacco di soldi, io piuttosto li getterei in un tombino, guarda”.

“Ancora”.

via Blogger https://ift.tt/2k8Oh2F

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...