Dylan e il capolavoro involontario

Tell Tale Signs: Rare and Unreleased 1986-2006 (The Bootleg Series, Vol. 8)

(Il disco precedente: Modern Times.
Il disco successivo…)

Io comunque su Pasolini ho una teoria: secondo me, mentre girava il Decameron lui…
“Ma che c’entra Pasolini adesso”.
Ma niente, mi viene sempre in mente sotto l’Immacolata, perché sai.
“Ti confondi col ponte dei morti”.
Ah già.
“Ma senti è un po’ che non passo a leggerti, li hai poi finiti i dischi di Dylan?”
No, effettivamente ne ho ancora un po’.
“Ancora? Ma quando hai cominciato? Sembrano anni”.
In effetti è esattamente un anno.
“Ma ne ha fatti così tanti?”
Più di una cinquantina, sì. E parecchi persino belli.
“Beh io a un certo punto ho smesso di leggerli, però…”
Non devi mica scusarti.
“…quando li raccoglierai in volume di sicuro io… perché pensi di raccoglierli in volume, vero?”
Eh, dipendesse da me.
“Ma hai mai scritto a un editore?”
Sì, e mi hanno anche risposto, ma…
“Cioè è chiaro che bisogna lavorarci un po’ su, togliere le cose che in un libro non funzionano, però…”
Ma alla fine non resta niente.
“In che senso”.
È come coi Santi. Uno dice: sto facendo una rubrica dei Santi che ha un suo seguito, insomma funziona, che ne dite? E loro all’inizio wow, in effetti è interessante, però… bisogna lavorarci.
“Ma ti fa così schifo lavorarci?”
Ma no io ci lavorerei anche, però… senti, non mi sto lamentando, ok? È un problema mio. Si vede che non funziono sulla carta.
“Ma cosa dici”.
Di solito va così: mi dicono, metti tutto in un pdf e mandacelo. E io: guardate che è tanta roba.
“Tagliane un po’”.
Ma certo che ne taglio.
“E alla fine ti restano…”
Quelle due, trecento cartelle.
“Così tanto?”
In un blog non sembra tanto, ma su carta è come se si gonfiasse. Poi ti dicono: bello eh, ma bisogna togliere tutti gli interventi in prima persona, i siparietti autobiografici… in un libro non hanno senso. E sai una cosa?
“Hanno ragione”.
Hanno assolutamente ragione, e allora io li tolgo. E tutte le battute stagionali, le trovate estemporanee, le cose che hanno senso soltanto nel giorno in cui le scrivi, tolgo tutto. E a quel punto…
“Non sono più interessati?”
Non sono più interessante.
“Però su Dylan…”
Ma certo, figurati se fuori non c’è la fila di gente che mi vuole pubblicare quattrocento cartelle su Dylan.
“Ma saranno meno, dai”.
Specie dopo aver tolto tutte le digressioni personali, le battutine, le cose da blog, tutto quello che lo renderebbe diverso dall’ennesimo libro su Dylan.
“E allora cosa farai?”
E allora cosa farò? Mi inventerò altre cose da scrivere e andrò avanti così.
“Ma non ci pensi che un giorno qui sparirà tutto?”
“Ci penso sempre, ma alla fine non è quasi mai successo”.
“Tra un po’ finisce la net neutrality e ciao“.
“Troverò un sistema”.
“Un server si pianterà e puf, non resterà nulla. Solo tanti link che puntano nel vuoto”.
Ogni tanto faccio un backup.

Got nothing for you, I had nothing before
Don’t even have anything for myself anymore
Sky full of fire, pain pourin’ down
Nothing you can sell me, I’ll see you around

Resto convinto che Pasolini, mentre girava il Decameron, se la deve esser vista brutta. Ma veniamo a Dylan, sennò pensate che io voglia cincischiare; che il disco di questa settimana non l’abbia neanche ascoltato, e in effetti parliamo di un disco triplo dal prezzo scandaloso (ma su Spotify ci sono solo i primi due, quelli che venivano venduti a una cifra ragionevole). Invece non solo l’ho ascoltato, ma lo riascolterei volentieri anche adesso, toh. Sono sinceramente convinto che sia uno dei dischi migliori di Bob Dylan – sì, tra i cinquanta e più dischi che ho ascoltato quest’anno, Tell Tale Signs sta nei primi quindici, forse anche tra i primi dieci. Credo addirittura che sia il disco migliore della sua ultima fase, ed è un’affermazione abbastanza forte, visto che Tell Tale Signs è perlopiù una collezione di scarti dalla lavorazione di Oh Mercy (1989), World Gone Wrong (1993), Time Out of Mind (1997), Modern Times (2006): com’è possibile che gli scarti siano migliori del prodotto? Con Dylan è possibile, anzi.


I was thinking of a series of dreams
Where nothing comes up to the top
Everything stays down where it’s wounded
And comes to a permanent stop

È quasi inevitabile. Avete sentito che l’ultimo Leonardo Da Vinci disponibile sul mercato è finito in Arabia Saudita? Secondo me era una sòla, però io non me ne intendo e anzi ho in materia idee molto estreme, ad esempio nutro qualche dubbio sulla Gioconda del Louvre: e se non fosse l’autentica? Perché non ha le sopracciglia e mancano due colonne che ci sono in alcune copie molto vecchia – ma è comunque una Gioconda fantastica, se dubito di lei figurati quanto posso fidarmi di un Salvatore col volto ieratico (ma asimmetrico!) con dei ricciolini da Botticelli, ritratto di fronte… cioè hai Da Vinci a disposizione e gli chiedi un ritratto di fronte? È come chiedere alla Ferrari se ti fanno un motorino 50 cc, dai, non esiste… (continua sul Post)

via Blogger http://ift.tt/2kMCdro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...